Home page

 
 
Seguici su
 
Home
Chi siamo
Costituzione Europea
Costituzione Italiana
Curiosità
Detti letti
Educazione alimentare
Esopo
Euro
Fedro
Formula 1
Frasi celebri
Giochi di carte
Lingue
Matematica
Modi di dire  
Musica
Promessi Sposi
Proverbi
Pulire senza fatica
Sondaggio
Sicurezza in casa
Totò disse e...scrisse
Trucchi per videogames e non...
Link

 

Rospo

 

Si gioca con un mazzo di carte intero e si tolgono i quattro assi che si dispongono scoperti orizzontalmente sul tavolo.

Le altre carte, dopo aver te ben mescolate, le disporrete a ventaglio sopra gli assi come mostra la fotografia, in sedici mazzetti di tre carte ciascuno.

Se in queste triplette la prima carta e un due la porrete subito sull’asso dello stesso seme e cosi via con il tre il quattro, ecc.

E’ possibile liberare una carta,, per esempio portarla al centro di una tripletta, qualora si possa porre la prima accanto alla prima di un’altra tripletta che sia dello stesso seme e di valore superiore o inferiore (per es.: il sette di quadri si può porre accanto al 6 o all’8 di quadri).

Quando non è più possibile compiere alcun movimento, si può riformare il mazzo con le triplette, o ciò che avanza di esse; senza mescolare si riformano poi le triplette osservando le stesse regole. Perché il solitario riesca, occorre che tutte le carte si trovino piazzate sugli assi in linea ascendente. Si può aumentare la difficoltà di questo solitario effettuandolo con due mazzi.

In questo caso si estraggono gli otto assi e si formano trentadue triplette a ventaglio col solito sistema. Il gioco procede come prima solo che il mazzo si può impiegare una sola volta.

 

 

Se volete contattarci cliccate qui

(Se qualcosa fosse protetta da copyright segnalatecelo e noi provvederemo ad eliminarlo)