Home page

 
 
Seguici su
 
Home
Chi siamo
Costituzione Europea
Costituzione Italiana
Curiosità
Detti letti
Educazione alimentare
Esopo
Euro
Fedro
Formula 1
Frasi celebri
Giochi di carte
Lingue
Matematica
Modi di dire  
Musica
Promessi Sposi
Proverbi
Pulire senza fatica
Sondaggio
Sicurezza in casa
Totò disse e...scrisse
Trucchi per videogames e non...
Link

 

Regolamento tecnico

Per la stagione 2014 sono stati introdotti tantissime novità nel regolamento tecnico.

La principale novità di questa stagione riguarda il motore che ora si chiama "power unit" i cui componenti principali sono il motore "classico" e un motore "elettrico: l'ERS (Energy Recovery Systems).

Sulle vetture, quindi, non è più presente il KERS (Kinetic Energy Recovery Systems) che  permetteva il recupero di energia cinetica durante la decelerazione della vettura ma l'ERS. L'ERS genera energia sia in frenata sia utilizzando il calore residuo proveniente dal turbocompressore del motore. L'energia viene restituita sotto forma di potenza pari a 160 CV (rispetto agli 80 che dava il Kers) che il pilota può impiegare al massimo per 33" ogni giro (rispetto ai 6,67" del Kers). Per compensare la potenza supplementare che viene generata in frenata dall'ERS, le squadre sono autorizzate ad utilizzare un sistema di comando freno posteriore elettronico.

I collegamenti radio tra il team e i piloti rimane consentito, a condizione che il sistema non possa trasmettere altri dati e sia accessibile alla FIA, alle radio e alle televisioni, quindi a tutto il pubblico.

Ancora presente (dal 2011) l'ala posteriore mobile o Drs (Drag reduction system). L'uso dell'alettone mobile durante le prove, le qualifiche e la  gara è consentito solo in un tratto di pista scelto dalla Fia; nelle prove e  in qualifica è libero ma in gara lo può usare il pilota che segue quando ha un distacco inferiore al secondo. Il pilota viene autorizzato dai tecnici della Fia ad usare l'alettone mobile con l'accensione di una spia luminosa sul volante. La Fia concede l'uso dell'ala a partire dal secondo giro di gara e di solito nella curva che precede il rettilineo più lungo del circuito.

Le auto devono superare tutti i crash test richiesti dalla FIA prima di qualsiasi test in pista (anche di quelli precampionato). Ogni telaio prodotto dalla squadra deve essere sottoposto ad una prova di carico statico della cella di sopravvivenza.
 

Ecco alcune cose che bisogna sapere sulla Formula 1:

Power Unit: Niente più V8 aspirati da 2.4 litri ma motori V6 turbo da 1.6 litri; regime di rotazione limitato a 15000 giri/min (contro i 18000 precedenti) per 600 cavalli (anziché 750) con una potenza aggiuntiva proveniente dal sistema di recupero d'energia (Ers). La power unit è costituita da cinque elementi: il motore, il motor generator unit-kinetic (MGU-K), il motor generator unit-heat (MGU-H), l'accumulatore di energia (ES), il turbocompressore (TC) e l'elettronica di controllo (CE). I motori utilizzati non possono essere ulteriormente sviluppati. Ogni pilota ha a disposizione cinque motori per tutta la stagione. Chi dovesse cambiare uno dei suoi elementi dopo quelli consentiti verrà retrocesso di cinque o dieci posizioni sulla griglia di partenza, se cambia l'intera power unit partirà dai box.

Peso minimo della vettura: 691 kg (pilota compreso).

Lunghezza totale: nessun limite regolamentare salvo che per gli sbalzi, max 140 cm quello anteriore, 100 cm quello posteriore.

Larghezza totale: massimo 180 cm.

Alettoni: L'anteriore ha larghezza massima di 165 cm (rispetto ai 180 dello scorso anno). L'alettone posteriore ha larghezza inferiore rispetto l'anno scorso e può essere inclinato anche quest'anno dal Drs: comando attivabile dal pilota che permette una leggera rotazione dei flap posizionati sopra il profilo principale consentendo una significativa riduzione della resistenza all'avanzamento, ciò per favorire i sorpassi. L'ala posteriore è quella dalle cui inclinazioni dipende buona parte della capacità di penetrazione dell'aria, soprattutto in rettilineo. L'uso dell'ala posteriore però è rigidamente regolamentata: è previsto che in gara l'ala mobile sia impiegabile solo dopo i primi due giri (libero utilizzo in prove libere e qualifiche) e dopo il rientro ai box di un'eventuale Safety car; l'impiego, inoltre, dovrà avvenire solo quando un controllo elettronico avviserà il pilota che si trova a meno di un secondo dalla vettura che precede e solo in alcuni punti predeterminati della pista. Restano vietate le pinne, le ciminiere e altre soluzioni usate in passato lungo la fiancata.

Cambio: minimo 4 rapporti, massimo 8 rapporti. Retromarcia obbligatoria. Vietati i cambi interamente automatici  e il sistema di partenza programmata (launch control). Ogni pilota deve usare la stessa trasmissione per sei weekend di gara consecutivi, pena la retrocessione di cinque posizioni in griglia. Dalla penalità sono esclusi i concorrenti che, nella gara precedente, sono stati costretti al ritiro. Da una gara all'altra si possono cambiare una sola volta  gli ingranaggi dei vari rapporti e alcune componenti ausiliarie ma non gli alberi principali e la scatola.

Freni: con doppio circuito, pinze di alluminio a sei pistoni, due pastiglie per ogni pinza. Dischi di 27,8 cm di diametro massimo e con spessore massimo di 2,8 cm.

Ruote: diametro 66 cm (67 per quelle da pioggia per limitare il rischio di acquaplaning), larghezza massima 35,5 cm le anteriori, 38 le posteriori. Misurazioni effettuate con gonfiaggio  a 1,4 bar. Possono essere gonfiate con aria o azoto.

Scarichi: Anziché due scarichi come in precedenza, il regolamento 2014 impone l'uso di un unico tubo di scappamento che deve essere inclinato verso l'altro per evitare che il flusso di scarico sia utilizzato per un effetto aerodinamico. Non è permesso posizionare carrozzeria dietro lo scarico.

 
 

 

Se volete contattarci cliccate qui

(Se qualcosa fosse protetta da copyright segnalatecelo e noi provvederemo ad eliminarlo)