Home page

 
 
Seguici su
 
Home
Chi siamo
Costituzione Europea
Costituzione Italiana
Curiosità
Detti letti
Educazione alimentare
Esopo
Euro
Fedro
Formula 1
Frasi celebri
Giochi di carte
Lingue
Matematica
Modi di dire  
Musica
Promessi Sposi
Proverbi
Pulire senza fatica
Sondaggio
Sicurezza in casa
Totò disse e...scrisse
Trucchi per videogames e non...
Link

 

 

Modi di dire: K

 

kamikaze

Giapponese: vento divino. Così erano chiamati i piloti suicidi giapponesi che, durante la Seconda guerra mondiale, si immolavano lanciandosi col loro aereo carico di esplosivo contro gli obiettivi, che erano soprattutto le navi americane. Il termine è entrato in molte lingue, compresa la nostra, a designare chi si comporta in modo temerario, rischiando troppo. Nello sport è un kamikaze, per esempio, il portiere che si getta a valanga sui piedi degli attaccanti avversari per acchiappare il pallone ed evitare la segnatura.

 

kapùtt

Tedesco:  rovinato, finito. Aggettivo assai noto durante e dopo le due guerre mondiali e ancora usato dalle generazioni meno giovani. Derivato dall’italiano far cappotto, significa “distrutto, in rovina, finito, morto”. Fu preso a titolo di un suo libro (1945) sulla tragedia della Seconda guerra mondiale da Curzio Malaparte.

 

kermesse (pron. ”kermès”)

Generalmente questo termine si incontra nelle cronache sportive con il significato di avvenimento eccezionale, di una vera festa dello sport con grande partecipazione ed entusiasmo popolare. È usato soprattutto a proposito del ciclismo. Kermesse, propriamente, è il nome della sagra parrocchiale in onore del santo patrono, ricca di folclore, che si tiene nei Paesi Bassi e in alcune zone settentrionali della Francia.

 

kidnapping (pron. ”kidnepin”)

Inglese. Anche questo termine ha trovato cittadinanza nei giornali, nella cronaca nera, e indica il rapimento di una persona (soprattutto di bambini) per estorcere un riscatto. Chi commette questo crimine è un kidnapper. Il più famoso kidnapping (che “lanciò” la parola nell’uso italiano) fu quello di Baby Lindbergh (1932), il figlio del primo trasvolatore dell’Atlantico. Ma il vocabolo risale al Seicento, e già allora indicava il ratto di bambini e ragazzi che venivano venduti ai capitani delle navi inglesi in partenza per le Americhe.

 

kitsch (pron. “kic”)

Tedesco. Nel linguaggio della critica (d’arte, in particolare) si dice di opera di cattivo gusto. Vistosa e pretenziosa ma di scarsa qualità, fatta per carpire la buona fede degli ignoranti. Viene dal verbo kitschen, “macchiare, sporcare”.

 

know how (pron. “nòu hàu”)

Inglese: abilità, conoscenza tecnica.

 

kolchoz (pron. “kalhòs”)

Russo. È l’azienda agricola collettiva sovietica. Differisce dal sovchoz, in quanto quest’ultimo è in genere di maggiori dimensioni e gestito direttamente dallo Stato. Italianizzato in còlcos o colcòs.

 

Kulturkampf

Tedesco: battaglia culturale. Fu la grande battaglia politica (1872-1877) intrapresa dal “cancelliere di ferro” germanico, Bismarck, contro la Chiesa cattolica, principalmente sui temi del matrimonio civile, dell’educazione, delle nomine ecclesiastiche. Si usa ancora a proposito dei conflitti di competenza tra la Chiesa e lo Stato.

 

Se volete contattarci cliccate qui

(Se qualcosa fosse protetta da copyright segnalatecelo e noi provvederemo ad eliminarlo)