Home page

 
 
Seguici su
 
Home
Chi siamo
Costituzione Europea
Costituzione Italiana
Curiosità
Detti letti
Educazione alimentare
Esopo
Euro
Fedro
Formula 1
Frasi celebri
Giochi di carte
Lingue
Matematica
Modi di dire  
Musica
Promessi Sposi
Proverbi
Pulire senza fatica
Sondaggio
Sicurezza in casa
Totò disse e...scrisse
Trucchi per videogames e non...
Link

 

 

Modi di dire: O

 

obbedisco!

Fu la laconica e — nella sua laconicità — polemica risposta che Garibaldi inviò per telegramma, il 9 agosto 1866, durante la Terza guerra d’indipendenza, al Coniando Supremo italiano che gli aveva ordinato di ritirarsi dalla zona dei Trentino da lui occupata dopo la brillante vittoria di Bezzecca. Si ripete, all’occasione, per sottolineare che ci si inchina all’ordine del superiore, anche se personalmente si resta di parer contrario.

 

obtorto collo

Latino: a collo torto. Nell’uso colto. Controvoglia, come chi storce il collo nel mandar giù un boccone amaro.

 

occhio alla penna

Nell’uso comune, vale come esortazione a essere guardinghi, a non commettere errori, a porre molta attenzione al compito nel quale si è impegnati. La penna in questione sarebbe quella (spesso si trattava di una o più piume) che gli arcieri mettevano alla cocca della freccia e alla quale accostavano l’occhio per prendere accuratamente la mira.

 

occhio per occhio, dente per dente

Proverbialmente, così si riassume la biblica legge del taglione, che si applicava vendicando l’offesa con una offesa altrettanto grave (“‘taglione” sembra derivi dal latino talis, nel significato di “tale e quale”); legge che Cristo condannò (Matteo, 5, 38 e segg.) esortando a “porgere l’altra guancia”, cioè a perdonare l’offesa per amore di Dio.

 

ora canonica

Sono ore canoniche quelle (otto nel corso della giornata) in cui la Chiesa prescrive ai suoi ministri la recitazione dell’ufficio divino. Per estensione scherzosa, si chiama così l’ora, il momento in cui, per abitudine, si fa qualcosa come l’andare a tavola, o a letto, o a fare la partita con gli amici.

 

o tèmpora, o mores!

Latino: o tempi, o costumi! Proverbiale esclamazione deprecatoria di Cicerone richiamata, per lo più in tono di scherzosa indignazione, per deplorare i corrotti costumi contemporanei.

 

ottimo e abbondante...

Ironico commento che si sente talvolta ripetere a proposito di cose, in generale di cibi, la cui qualità lascia molto a desiderare, ma che si vuole sufficiente per la gente di basso rango. Presso i reparti militari un ufficiale doveva, per regolamento, assaggiare il rancio prima che venisse distribuito alla truppa per accertarne il grado di commestibilità. E in tempi di ristrettezze era a volte costretto, per forza di cose, a giudicare con indulgenza eccessiva l’opera del cuoco.

 

Se volete contattarci cliccate qui

(Se qualcosa fosse protetta da copyright segnalatecelo e noi provvederemo ad eliminarlo)