Home page

 
 
Seguici su
 
Home
Chi siamo
Costituzione Europea
Costituzione Italiana
Curiosità
Detti letti
Educazione alimentare
Esopo
Euro
Fedro
Formula 1
Frasi celebri
Giochi di carte
Lingue
Matematica
Modi di dire  
Musica
Promessi Sposi
Proverbi
Pulire senza fatica
Sondaggio
Sicurezza in casa
Totò disse e...scrisse
Trucchi per videogames e non...
Link

 

 

Proverbi napoletani

 

A ‘o munno quatto cose te fanno cunzulà: ‘a fenìmena, l’argiamma, lo suonno e lu magnà.

Al mondo quattro cose sono le più belle: la donna, il denaro, il sonno e il buon cibo.

 

‘A prena s’abbnitisce e ‘a zitella se scemunisce.

La donna incinta si imbruttisce e la zitella si inacidisce.

 

A quattro cose non credere maje: cielo chiaro ‘e vierno, nuvolo d’està, lacreme ‘e femmene e carità ‘e muonece.

Non devi credere mai a quattro cose: ad un cielo chiaro d’inverno alle nuvole estive, al pianto delle donne e alla carità dei monaci.

 

A ‘sta vunnella non ce so’ foje p’appennere.

E' una donna di cui non si può dir male.

 

Chella ca l’aia ‘tu vota, l’alza sempe.

Se una donna ha una certa indole ce l’avrà sempre

 

Bella tavernara, cunto caro.

Se la locandiera è bella, il conto sarà salato.

 

Chi a femmene vo’ bene, e nun è locco, se nne va ‘nfummo peggio d’ ‘o tabacco.

Per una donna si può perdere veramente la testa.

 

Chi a femmene crede, paraviso nun vede,

Poveraccio chi crede nelle donne.

 

Chi bella vo’ parè, pene e guaie adda patè’.

Per essere belle le donne si sottopongono anche a privazioni e sacrifici.

 

Chi bona razza vo’ fa’, cu ‘a femmena adda accummincià.

Per avviare bene la famiglia ci vuole per primo figlio una femmina.

 

Chi pe’ denare ‘a brutta se piglia, va pe’ mettere ‘o grano e arrecoglie paglia.

Chi sposa una donna brutta, se ne pente.

 

Chi se mette appaura, nun se cocca cu ‘e femmene belle.

Nella vita bisogna anche osare.

 

Chi se ‘mpaccia cu ‘e femmene, malanne semmena.

Guai a chi si mette con le donne.

 

Ciccio mio, allascame ‘o busto.

Riferito a donna maliziosa.

 

Cu femmene, cu’ judece e cu sbirre, nun te fidà maje.

Non fidarti di donne, giudici e poliziotti.

 

Cunnìscela comme vuo’, sempe cucuzza è.

Se una donna è brutta, non c’è niente da fare.

 

De femmene oneste una ‘nce steva e addiventaje Madonna

Ce stata solo una donna onesta e diventò Madonna.

 

Dio t’arrassa da una femmena ca parla latino.

Dio ci liberi dalle donne troppo colte!

 

Duorme zetella, ca ‘a sciorta veglia.

Aspetta e spera.

 

‘E chiacchiere so’ femmene e ‘e fatte mascule.

Le cose serie, le portano a fine gli uomini.

 

‘E denare d’ ‘a bella se ne vanno ‘nchianchetto.

Le donne dilapidano fortune in cosmetici.

 

‘E  femmene ne sanno una cchiù d’ ‘o diavolo.

La donna ne sa una più del diavolo.

 

‘E femmene nun sanno tene’ tre cicere ‘nmocca.

I segreti non sono per le donne.

 

‘E femmene sò comm’ ‘e mellune: ogni ciento, una.

Le donne sono come le angurie: solo una su cento è buona.

 

‘E femmene songo sacche.

Le donne chiedono sempre soldi.

 

‘E figlie ‘e don Camillo: tutt’ ‘e vonno e nisciuno s’’e piglia.

Riferito a donne che si dicono molto corteggiate, ma che non trovano mai marito.

 

‘E monache ‘e casa: ‘o diavolo jesce e trase.

Diffidate delle donne che hanno deciso di condurre vita pia!

 

‘E pparole d’ ‘e femmene se teneno pe’ serenata.

Le parole delle donne vanno tenute in poco conto.

 

Ogne riccio, nu capriccio.

Riferito alle donne ricciolute.

 

O negra della femmena ca troppo se ‘mprena d’ ‘e parole ‘e ll’uommene.

Disgraziata quella donna che crede negli uomini.

 

‘O spasso d’ ‘e zetelle so’ ‘e capille.

Le ragazze stanno ore e ore a pettinarsi.

 

Pare na pupata ‘e Guidotte.

Sembra una bambola, anzi una marionetta.

 

Pare ‘o tavulino d’ ‘a bizzoca: na vota penne annanza e na vota arreto.

Non riesce a prendere una decisione.

 

P’‘e femmene annurata e cchiù pena ‘a vriogna ca ‘a mode.

Per una donna onesta la vergogna è peggiore della morte.

 

Puozze avè a sciorta d’ ‘a brutta.

Spesso le donne brutte sono le più fortunate nel trovare marito.

 

Quanno ‘a femmena è bona, pò sta’ ‘nmiezo a n’armata.

La donna onesta può stare anche fra un reggimento di soldati.

 

Quanno ‘a femmene vo’ filà, fila pure cu ‘o spruoccolo.

La donna che vuole qualcosa, la ottiene sempre.

 

Quant’è bella, quant’è bella; me pare ‘o culo d’ ‘a tiella.

Riferito  a donna vanitosa.

 

Quant’è bona Maria: va sola p’ ‘a via.

Riferito a donna in gamba.

 

Marito geluso more curnuto.

La gelosia tira le corna.

 

Morte e marito nun aspettà maje quanno veneno.

La morte e il marito vengono quando meno te li aspetti.

 

Muglierema ‘ncannaccata, marito ‘ncurniciato.

Certo, quei gioielli, dovranno pur venire da qualche parte.

 

Muglierema era bella: sub ‘a zenniata ‘nce vuleva.

Mia moglie era già brutta: poi l’è venuto il tic all’occhio.

 

1 - 2 - 3 - 4 - 5

 

 

Se volete contattarci cliccate qui

(Se qualcosa fosse protetta da copyright segnalatecelo e noi provvederemo ad eliminarlo)