Home page

 
 
Seguici su
 
Home
Chi siamo
Costituzione Europea
Costituzione Italiana
Curiosità
Detti letti
Educazione alimentare
Esopo
Euro
Fedro
Formula 1
Frasi celebri
Giochi di carte
Lingue
Matematica
Modi di dire  
Musica
Promessi Sposi
Proverbi
Pulire senza fatica
Sondaggio
Sicurezza in casa
Totò disse e...scrisse
Trucchi per videogames e non...
Link

 

Profumo, pot-pourri e oli

 

 

 

PROFUMO

Conservazione: una volta aperti i flaconi, nonostante essi siano muniti di vaporizzatore, i liquidi profumati non mantengono a lungo la fragranza; si consiglia allora di acquistare boccette piccole. Il profumo si conserva meglio al riparo dalla luce del Sole e nei luoghi freschi (il frigorifero sarebbe l'ideale, soprattutto d'estate). Per togliere le macchie lasciate dal profumo sui tessuti tamponarle con trielina. Se la macchia non cede tamponare più volte con alcool e asciugare il tessuto sia al dritto che al rovescio, quindi insistere con la trielina. Su cotone e lana si utilizzi ripetutamente a mo ' di tampone un batuffolo intriso di acqua ossigenata diluita con acqua, poi sciacquare con acqua e aceto bianco.

Per emanare un gradevole profumo negli ambienti, si può lasciare in un angolo, all'interno di un piccolo contenitore, una pezzuola di cotone imbevuta di ammorbidente, oppure si può spruzzare dell'Acqua di Colonia, o altro profumo, sulle lampadine che, una volta accese, aiuteranno il diffondersi della fragranza grazie al calore da esse sviluppato.

Per diffondere nel salotto un gradevole odore di agrumi bruciare nel caminetto delle bucce di arancia.

Profumate la casa per le feste natalizie mettendo a scaldare, a fuoco lento, una pentola contenente poca acqua, zucchero e cannella.

 

POT-POURRI

Si possono fabbricare almeno due tipi di pot-pourri, uno che utilizza fiori secchi, l'altro, invece, fiori solamente appassiti.

In generale i petali più indicati sono quelli di rosa, soprattutto se si scelgono le varietà più profumate. Questi fiori, inoltre, sono assai variopinti ed un buon pot-pourri deve essere anche bello da vedere oltre che gradevole da annusare.

Preparare in casa un buon pot-pourri prendendo delle spezie (come noce moscata, cannella in stecche o in polvere, chiodi di garofano, vaniglia in stecche, anice stellato, zenzero, ginepro, coriandolo) ed un fissativo che ha la funzione di trattenere gli aromi.

Sminuzzate assieme solo una parte delle spezie ed il fissativo, versare la polvere ottenuta in una ciotola ed aggiungere alcune gocce di olio essenziale della fragranza preferita, quindi mescolare bene.

A questo punto si possono unire i fiori secchi. Si suggeriscono, per il buon odore, delle rose profumate di diverse specie e fragranze. Per i colori, invece, si consigliano le varietà di fiori che maggiormente conservano la tinta una volta essiccati come papavero, malva, fiordaliso, erica, calendula e karkadè. Per ottenere il pot-pourri si privino i fiori dei petali e si mettano questi ultimi a seccare in un contenitore di vimini protetto dalla luce diretta. Procedere nello stesso modo con i petali di altri fiori a voi graditi.

Aggiungere le spezie non sminuzzare (anice stellato e stecche di cannella sono molto decorativi) ed integrare a piacere con foglie aromatiche secche (rosmarino, alloro, basilico, eucalipto, artemisia, finocchio, melissa, menta, origano, verbena), bucce essiccate (soprattutto di agrumi, da seccare inforno scaldato fino a 50° e poi spento, disposte sopra ad un foglio di alluminio), radici, legni, bacche.

Dopo aver mischiato bene tutti gli ingredienti metterli in un vaso a tenuta stagna e lasciarlo al buio per almeno un mese, scuotendolo di tanto in tanto.

 

OLI ESSENZIALI

Gli oli essenziali sono assai utili per la profumazione della casa. Ce ne sono di diverse fragranze, ognuna con caratteristiche proprie. Esistono, tuttavia, delle indicazioni generali per la scelta della profumazione adatta. In inverno, ad esempio, si preferiscono fragranze che richiamano all'atmosfera di un tempo, quando le case venivano scaldare dal focolare, come l'abete bianco, l'incenso, il sandalo, gli agrumi, la cannella, i chiodi di garofano, l'eucalipto, il mirto, il muschio bianco.

Dette essenze sono da sciogliere nei pot-pourri, nei sacchetti profuma-biancheria o negli umidificatori dei termosifoni. In primavera, invece, si apprezzano gli odori freschi di verbena, limone, menta piperita e rosa, da bruciare negli appositi diffusori a candela in coccia.

In estate è piacevole aromatizzare delle ciotole d'acqua con delle foglioline di menta e degli oli essenziali ali 'erba cedrina e menta piperita. L'autunno è la stagione ideale per fabbricare in casa il pot-pourri, anche perché è assai piacevole raccogliere bacche ed i fiori che restano alla luce tiepida delle ultime giornate di Sole.

Le profumazioni migliori per la stagione sono il cedro, l'abete bianco, il legno di rosa, i primi agrumi ed il mirto.

 

 
 

Se volete contattarci cliccate qui

(Se qualcosa fosse protetta da copyright segnalatecelo e noi provvederemo ad eliminarlo)