Home page

 
 
Seguici su
 
Home
Chi siamo
Costituzione Europea
Costituzione Italiana
Curiosità
Detti letti
Educazione alimentare
Esopo
Euro
Fedro
Formula 1
Frasi celebri
Giochi di carte
Lingue
Matematica
Modi di dire  
Musica
Promessi Sposi
Proverbi
Pulire senza fatica
Sondaggio
Sicurezza in casa
Totò disse e...scrisse
Trucchi per videogames e non...
Link

 

Regolamento sportivo

·  Calendario Campionato a 19 gare; restano fuori il gran premio della Corea del Sud e il gran premio d'India. Rientra dopo diversi anni il gran premio d'Austria e fa il suo ingresso in formula 1 la Russia con un proprio gp. La pausa estiva  è dopo il Gp d'Ungheria quando i team torneranno alle loro basi per circa un mese. La ripresa avverrà il 24 agosto in Belgio. Oltre ai test invernali sono previste quattro prove di non più di due giorni consecutivi su circuiti in cui si è corso.

·  Numero del pilota I piloti possono scegliere il numero, tra 2 e 99, da adottare per il Campionato e che manterranno per tutta la carriera. Il numero 1 è riservato al campione del mondo in carica (se sceglie di usarlo). Se più piloti scelgono lo stesso numero, sarà data priorità al pilota con miglior piazzamento in classifica generale nell'anno precedente. Il numero deve essere chiaramente visibile sulla parte anteriore della macchina e sul casco del pilota.

·  Ordini Il Consiglio Mondiale della Fia nella riunione di dicembre 2010 ha cancellato l'art. 39.1 del Regolamento sportivo ossia la regola che vietava ai team gli ordini di scuderia. Quindi a partire dal Mondiale 2011 gli ordini di scuderia sono permessi.

·   Pit Stop I rifornimenti sono ancora vietati, le monoposto partono con il pieno di benzina per finire la gara. La qualifica è affrontata da tutti con il minimo di carburante. Per aumentare l'efficienza del carburante è stato imposto un limite a 100 kg a gara (in precedenza era illimitato ma i team ne utilizzavano circa 160 kg). Il pit stop si effettuerà soltanto per i cambi gomme. 

·   Prove Il venerdì (giovedì a Monaco) è riservato alle prove libere divise in due semi-sessioni di un'ora e mezza ciascuna. Il sabato tutti i piloti scenderanno in pista per i primi 18 minuti (l'anno scorso erano 20) della sessione decisiva; i sei peggiori tempi saranno eliminati allo scadere del quarto d'ora e classificati sulla griglia di partenza nelle ultime sei posizioni in base alle prestazioni ottenute. Se un pilota ottiene un tempo pari al 107% del miglior tempo di questa sessione, egli non prenderà parte alla gara. Il tempo per le vetture rimaste sarà azzerato nella sessione successiva.  Dopo una pausa di 7 minuti, lo stesso accadrà nei 15 minuti successivi dove le sei vetture più lente occuperanno dalla undicesima alla sedicesima posizione sulla griglia di domenica. Dopo una pausa di otto minuti i dieci piloti "superstiti" si giocheranno la pole position nei 12 minuti successivi (l'anno scorso erano 10) a seconda del tempo ottenuto. In questa  Q3 i piloti potranno usare un ulteriore set di gomme option anche se però inizieranno la gara con gli pneumatici con cui hanno stabilito il giro più veloce in Q2. Subito dopo le qualifiche le macchine andranno in condizioni di "parco chiuso" (dove il cambio gomme e altre modifiche non sono permesse) fino all'inizio di formazione della gara. Nelle prove del venerdì sulle due vetture di una scuderia si possono alternare fino a quattro piloti e non più un solo test driver che sostituiva un pilota.

·  Trofeo Pole Position Verrà assegnato al pilota che guadagna più pole durante la stagione. In caso di parità si considereranno anche i secondi posti e in caso di ulteriore parità, il maggior numero di terzi posti e così via.

·  Pneumatici Pirelli è ancora il fornitore unico di pneumatici. Gli pneumatici sono progettati per favorire i sorpassi e per questo avranno un veloce degrado (ma leggermente inferiore all'anno scorso). Anche quest'anno si utilizzeranno gomme slick cioè gomme senza scanalature che garantiscono un 20% in più di aderenza. Per l'intero weekend ciascun pilota è autorizzato ad utilizzare 13 treni di pneumatici da asciutto, quattro da bagnato intermedie e tre estremi da pioggia battente. Nel primo giorno delle prove libere si possono già utilizzare tutti gli pneumatici destinati ad un pilota. Tutti gli pneumatici, per le prove e per la gara, devono avere le stesse specifiche per tutte le squadre. Durante la gara ogni pilota deve usare entrambi i tipi di pneumatici scelti dalla Pirelli per quel Gran Premio (mescola morbida, dura, da bagnato). Le coperture d’asciutto (scritta laterale P Zero) hanno colorazione: rosso per la supersoft, giallo per la morbida, bianco per la media, arancione per la dura. Le gomme da bagnato invece hanno colore: le estreme (in grado di smaltire 60 litri al secondo) sono caratterizzate da una banda blu, quelle intermedie (20 litri al secondo) da una verde.

·   Punti valevoli per il campionato Conquistano punti per la graduatoria del campionato i primi dieci classificati nel seguente ordine: 25, 18, 15, 12, 10, 8, 6, 4, 2, 1. Se una gara è sospesa e non può essere riavviata, se è stato completato il 75% della distanza di gara prevista vengono assegnati mezzi punti, se sono stati completati meno di due giri non sono assegnati punti. Le squadre sommano i punti ottenuti da entrambi i propri piloti per il titolo costruttori. Per l'ultimo gp della stagione (Abu Dhabi) saranno assegnati punti doppi sia per la classifica piloti che costruttori.

·   Penalizzazioni Le principali sanzioni previste sono: lo stop and go, il drive through e l'arretramento in griglia del pilota per il gp successivo. Nel caso dello stop and go il pilota rientra nei box e vi sosta per 5 o 10 secondi (a seconda della violazione) durante i quali la squadra non può effettuare nessuna modifica, il drive through invece prevede che il pilota deve attraversare la corsia dei box rispettando i limiti di velocità. Il drive through è una penalità più "leggera" dello stop and go quindi è usata per violazioni meno gravi come il caso di partenza anticipata. Nel caso del drive-through e dello stop and go, dal momento in cui la sanzione è notificata alla scuderia, il pilota ha tre giri per entrare ai box (in caso contrario riceverà una bandiera nera). Altre sanzioni sono: una penalizzazione di tempo, una reprimenda, un'esclusione dall'ordine d'arrivo o una sospensione per la gara successiva. Se la penalità è inflitta negli ultimi cinque giri, la sosta è abolita ma il tempo totale dei pilota viene aumentato di 20’ per un drive-through o 30' per uno stop and go. I piloti che ricevono tre rimproveri per violazioni di guida nel corso di una stagione riceveranno automaticamente una penalità di dieci posti sulla griglia per la gara successiva. I commissari di gara hanno, da quest'anno, la possibilità di dare sanzioni di cinque secondi per infrazioni minori. Qualsiasi pilota prenda sulla sua superlicenza 12 punti di penalizzazione nel corso di 12 mesi sarà squalificato per una gara.

·   Corsia box La velocità è limitata a 80 km/h salvo che al GP d'Australia, Monaco e Singapore dove è limitata a 60 km/h.  La pit lane potrà essere chiusa in qualsiasi momento per ragioni di sicurezza e si potrà rientrare solo per riparazioni essenziali ed evidenti. Non saranno tollerati "duelli" in corsia box: in uscita dalla pit lane si dovrà procedere in una fila unica e uscire secondo l'ordine d'arrivo a meno che una vettura non venga ingiustamente rallentata.

·   Vettura di riserva (Muletto) Come ormai da diversi anni, non c'è la vettura di riserva, si può invece portare un telaio di scorta su cui ancora non è montato motore, radiatori, serbatoi eccetera. Se un pilota decide di cambiare vettura dopo le qualifiche partirà dalla corsia dei box, il cambio non è consentito una volta iniziata la gara.

Curiosità: Perché si usa il termine muletto?

La definizione muletto nasce negli anni '30 in Italia. Con questo termine si indicava un'auto usata nelle prove, nelle ricognizioni e per eventuali emergenze qualora ci fossero problemi sulla vettura designata per la gara. Evidentemente la parola era stata scelta per indicare qualcosa di meno nobile di un purosangue, ma di altrettanto valido sul piano della resistenza, dell'utilità e del lavoro. I team inglesi invece utilizzano il vocabolo Tcar (training-car), che sta per vettura da allenamento.

 
 

Se volete contattarci cliccate qui

(Se qualcosa fosse protetta da copyright segnalatecelo e noi provvederemo ad eliminarlo)