Home page

 
 
Seguici su
 
Home
Chi siamo
Costituzione Europea
Costituzione Italiana
Curiosità
Detti letti
Educazione alimentare
Esopo
Euro
Fedro
Formula 1
Frasi celebri
Giochi di carte
Lingue
Matematica
Modi di dire  
Musica
Promessi Sposi
Proverbi
Pulire senza fatica
Sondaggio
Sicurezza in casa
Totò disse e...scrisse
Trucchi per videogames e non...
Link

 

Riassunto capitolo decimo

I Promessi Sposi

 

 

 

I contrasti, tra ciò che si agita nell’animo di Gertrude e ciò che le viene detto di fare, si accavallano con una rapidità impressionante. I peccati, le passioni e le responsabilità trovano sempre una valida attenuante, in quanto ella è stata succube, e lo è tuttora, dell’egoismo e della violenza morale altrui. Tuttavia l’autore, con impareggiabile finezza psicologica, dice che Gertrude, rifacendosi alla religione, avrebbe potuto condurre una vita meno agitata, avrebbe potuto mettere a tacere le sue passioni e gli istinti; ma aggiunge che presso i signorotti la religione non è né sentita, né compresa nella sua essenza.

Il principe, dunque, ricevuta la lettera della figlia la fa venire da lui e si dispone « a battere il ferro», mentre è caldo. Quando ella si trova al suo cospetto, con atto di umiltà chiede perdono. Allora il principe, con inconsueta dolcezza ed usando tutta l’abilità di cui è capace, risponde che il perdono non basta chiederlo, bisogna meritarlo. E si dilunga a parlare del suo errore, asserendo che tale errore è un ostacolo alla vita del secolo, che è « piena di pericoli per lei...».

 A questo punto Gertrude pronunzia un sì! ma un sì da non interpretare come il consenso a farsi monaca; però la malvagità del padre lo fa apparire come tale, e quindi fuor di sé per la gioia, non parla più di colpa e di vergogna e chiama la famiglia, a cui partecipa con esultanza la decisione della figlia. Ora tutti sono gentili con lei e ne lodano il giudizio, mentre nel suo intimo Gertrude è indispettita.

Il giorno dopo si va a Monza, nello stesso convento in cui si trova adesso, ma prima della partenza il principe, con modi affabili e minacciosi in pari tempo, la istruisce molto bene, perché superi le prove che dovrà sostenere, e fa presente anche di non parlare di imposizione, specie al cospetto del vicario. E così la povera Gertrude, pensando che ritornare a casa significherebbe riprendere una vita d’inferno e di terrore, senza averne volontà e vocazione, è costretta a dire: « mi fo monaca di mio genio, liberamente ».

Mentre Gertrude è esaminata circa le sue intenzioni di farsi monaca, il padre è sulle spine, è travagliato dal dubbio che la figlia, anche involontariamente, possa tradirsi; ma quando l’esaminatore incontra il principe, si compiace con lui « delle buone disposizioni in cui aveva trovata la sua figliola ».

Se tale notizia è motivo di gioia per il principe, per Gertrude è un rammarico incessante, è come precipitare nell’abisso. Ella deplora e commisera la sua giovinezza e la sua bellezza, destinate a strugersi in un lento martirio. Con un animo così tormentato, ella prova avversione e odio per tutti: la sua condotta è molto strana: ora rigorosa e austera, ora spensierata e sconveniente.

Se però Gertrude è costretta a rinunciare alle gioie del mondo, tuttavia nel monastero gode di «distinzioni e privilegi », e fra questi, quello di potere abitare un « quartiere » contiguo alla casa di un certo Egidio, un giovane nefasto e scellerato. Tra i due si stabiliscono dei rapporti intimi, e ciò da la forza a Gertrude di soffocare, ma non di spegnere, i suoi tormenti. Ella diventa infatti, più tranquilla, quasi normale. Però tutto ciò ha breve durata; presto ritorna ai soliti dispetti e ai soliti capricci: sente fortemente la prigione claustrale.

Le suore, comunque, ormai abituate, tollerano questo suo comportamento fluttuante, attribuendolo al suo carattere bisbetico e leggero. Ma un giorno Gertrude, venuta a diverbio con una conversa, e maltrattatala, questa fa qualche allusione e aggiunge che un giorno parlerà. Da lì a poco la conversa non si è vista più: si fanno allora delle ricerche ovunque, persino in Olanda, ma non se ne sa niente. Eppure, bastava che si scavasse lì vicino, per trovarla.

   Ora Lucia e Gertrude, alla distanza di un anno di quanto è avvenuto, si trovano l’una di fronte all’altra. La monaca, intrepida e disinvolta, la tempesta di domande circa la persecuzione di don Rodrigo e la preferenza data a Renzo, e fa trasalire, stupire ed arrossire la povera Lucia. La quale, quando è al cospetto della madre, confida tutto; ma Agnese risponde che i signori « han tutti un po’ del matto ».

Due sentimenti religiosi quindi, quello di Lucia e quello della  Gertrude, che vanno su due binari opposti. L’una è ricca di pudore e di fervore morale, l’altra è sfrontata, malvagia, corrotta, capace di commettere qualsiasi azione indegna. Questo è uno dei motivi, per cui ci si deve preoccupare per l’avvenire di Lucia, affidata alla protezione di Gertrude, anche se Agnese e la figlia sono felici di aver trovato, dopo tante tribolazioni, un luogo ospitale e al riparo da ogni inganno, secondo la loro convinzione.

 

 

 

 

 

 

 

 

bullet

Capitolo I

bullet

Capitolo II

bullet

Capitolo III

bullet

Capitolo IV

bullet

Capitolo V

bullet

Capitolo VI

bullet

Capitolo VII

bullet

Capitolo VIII

bullet

Capitolo IX

bullet

Capitolo X

bullet

Capitolo XI

bullet

Capitolo XII

bullet

Capitolo XIII

bullet

Capitolo XIV

bullet

Capitolo XV

bullet

Capitolo XVI

bullet

Capitolo XVII

bullet

Capitolo XVIII

bullet

Capitolo XIX

bullet

Capitolo XX

bullet

Capitolo XXI

bullet

Capitolo XXII

bullet

Capitolo XXIII

bullet

Capitolo XXIV

bullet

Capitolo XXV

bullet

Capitolo XXVI

bullet

Capitolo XXVII

bullet

Capitolo XXVIII

bullet

Capitolo XXIX

bullet

Capitolo XXX

bullet

Capitolo XXXI

bullet

Capitolo XXXII

bullet

Capitolo XXXIII

bullet

Capitolo XXXIV

bullet

Capitolo XXXV

bullet

Capitolo XXXVI

bullet

Capitolo XXXVII

bullet

Capitolo XXXVIII

Se volete contattarci cliccate qui

(Se qualcosa fosse protetta da copyright segnalatecelo e noi provvederemo ad eliminarlo)