Home page

 
 
Seguici su
 
Home
Chi siamo
Costituzione Europea
Costituzione Italiana
Curiosità
Detti letti
Educazione alimentare
Esopo
Euro
Fedro
Formula 1
Frasi celebri
Giochi di carte
Lingue
Matematica
Modi di dire  
Musica
Promessi Sposi
Proverbi
Pulire senza fatica
Sondaggio
Sicurezza in casa
Totò disse e...scrisse
Trucchi per videogames e non...
Link

 

Riassunto capitolo ventiquattresimo

I Promessi Sposi

 

 

 

Appena Lucia si è svegliata, il suo primo pensiero è quello di poter abbracciare la madre, e in ciò è confortata dalla vecchia, la quale dice che il suo padrone, momentaneamente assente, farà tutto quello che ella vorrà. Al di là della porta si sente intanto un rumore insolito; la vecchia apre e l’innominato le ordina di uscire, e fa entrare don Abbondio con la buona donna, mentre lui, socchiudendo l’uscio, resta fuori. Lucia, nel vedere don Abbondio, quasi incredula, come se fosse fuori sentimento, rimane incantata. Nel frattempo la buona donna, con tutta la sua amabilità, si avvicina a Lucia per consolarla. Per lei la loro apparizione ha qualcosa d’irreale, crede che sia un miraggio; non può credere che don Abbondio, un uomo che non brilla certo per coraggio, possa trovarsi in quel luogo selvaggio, in mezzo a persone così crudeli. Poi, rassicurata dall’uno e dall’altra, ha la netta sensazione che si sia trattato di un miracolo, che sia stata la Madonna — invocata da lei — a mandarli.

Ora è convinta di trovarsi tra persone innocue, pronte ad aiutarla, che possono allontanarla da quel luogo di pene; ma subito le sovviene quel signore del giorno avanti; (l’Innominato, che però Lucia non conosce) e quando don Abbondio riferisce che è «qui fuori che aspetta» l’innominato, comprendendo che si parla di lui, spinge l’uscio ed entra.

A questo punto la scena ha toni patetici; Lucia, che prima desiderava vederlo, perché riteneva in lui la persona che l’avrebbe potuta liberare, ora, trovandosi in mezzo a persone amiche, prova un ribrezzo che si dipinge nel viso. E l’innominato, quest’uomo in cui è avvenuta una così prodigiosa conversione, che si sente colpevole nei confronti di Lucia, che intuisce il suo stato d’animo, con profonda umiltà le chiede perdono; al che Lucia, confortata e riconoscente, augura che Dio lo ricompensi per la sua misericordia.

Finalmente, con gran sollievo di don Abbondio, si parte. La buona donna con bontà e squisitezza consola Lucia e non manca di farle presente che lei si trova in sua compagnia per volere del cardinale, che ha voluto anche che vi fosse in quest’occasione don Abbondio, il quale, per la verità – prosegue la buona donna - « è più impicciato che un pulcino nella stoppa».

Intanto don Abbondio è sempre il solito; per tutto il viaggio, in un divertente soliloquio, mette in evidenza tutta la sua paura. Egli più che per il presente, ha ora paura dell’avvenire, e pensa tra sé: «Cosa dirà quel bestione di don Rodrigo? Rimanere con tanto di naso a questo modo, col danno e con le beffe, figuriamo se la gli deve parere amara». E non esclude che se la possa pigliare con lui, che si trova immischiato in questa faccenda, senza sua intenzione.

Quando la comitiva arriva in paese, il primo pensiero di don Abbondio è quello di rifugiarsi nella sua pieve, dove pensa di essere al riparo da ogni insidia. Così, preso il suo bastone, incarica l’innominato di far le sue scuse a monsignore, in quanto lui deve « tornare alla parrocchia addirittura, per affari urgenti » e parte precipitosamente.

Intanto Lucia, dopo tante tribolazioni, è giunta in casa della buona donna, dove è ospitata cordialmente e generosamente. Per lei, trovarsi accanto ad una donna munifica ed in un ambiente in cui non ha nulla da temere, significa ritrovare la pace dello spirito. Ma, appunto, ora che la sua mente non è più sconvolta da avvenimenti terribili, ricorda il voto pronunziato; pensa al suo Renzo, e nel suo intimo si sente colpevole; sa che ciò recherà tanto dolore al suo uomo; ma subito se ne pente di questo attimo di debolezza, perché in lei il sentimento religioso è più forte, e prega, intanto, affinché le sia concessa la forza di adempiere il voto.

Superata la crisi del voto, può riprendere la sua serenità, perché, nella casa in cui è ospitata, anche il marito, che fa il sarto, e che è persona molto religiosa, «la miglior pasta del mondo », è molto contento della presenza di Lucia, come se vi fosse scesa la benedizione del cielo.

Mentre Lucia è circuita da un sincero affetto, ad accrescerne la gioia, ecco sopraggiungere la madre, fatta venire per interessamento del cardinale. In un baleno, madre e figlia, sono nelle braccia l’una dell’altra, e si abbandonano ad un pianto dirotto. Quindi, Lucia, su richiesta di Agnese, che conosceva solo in parte, e confusamente, ciò che era capitato alla figlia, racconta tutte le sue traversie, ma nasconde la circostanza del voto, « proponendosi di farne prima la confidenza al padre Cristoforo». Agnese da parte sua confida alla figlia che padre Cristoforo è stato trasferito in un paese lontano e che Renzo è in un luogo sicuro, in territorio bergamasco, ma nessuno sa esattamente dove.

Mentre Lucia ringrazia il Signore, perché Renzo è salvo, ecco comparire il cardinale, per « rendere onore alla sventura, all’innocenza, all’ospitalità e al suo proprio ministero in un tempo». Egli è accolto con riverente e commosso rispetto; ha parole affettuose per Lucia, « messa a una gran prova, » e fa delle domande, a cui Agnese, più loquace del solito, come a volersi sfogare, risponde che tutti i preti fossero come lui, i poveri non soffrirebbero tanto; e quindi, incoraggiata dal cardinale, parla delle prepotenze di don Rodrigo nei confronti di Renzo e Lucia, e del rifiuto di don Abbondio di sposarli; ma del racconto fa «un piccolo stralcio, » nasconde, cioè, il tentativo del matrimonio clandestino, ideato da lei; ma un intervento di Lucia, sempre scrupolosa ed onesta, riferisce anche questo episodio. Poi il discorso cade su Renzo; Agnese racconta quello che sa, e l’arcivescovo promette il suo interessamento. Rivolto poi ai padroni di casa, domanda loro «se sarebbero stati contenti di ricoverare, per quei pochi giorni, le ospiti che Dio aveva loro mandate ». Alla risposta lesta della buona donna: «oh! sì signore» il marito, che ha fama di uomo di cultura, desideroso di farsi onore alla presenza di così degna ed autorevole persona, studia ansiosamente qualche bella risposta; pensa un momento, la sua mente è invasa da un cumulo di idee confuse, fruga meglio, e finalmente pronunzia solo un enfatico: «si figuri!» cosa di cui non si darà pace.

Questo capitolo, ricco di avvenimenti, si conclude con un palpitante e solenne resoconto dell’innominato circa la sua conversione. Egli infatti riunisce tutti i suoi dipendenti «nella sala grande» fa presente che la strada intrapresa finora «conduce nel fondo dell’inferno», che lui ha mutato vita, e che preferisce morire piuttosto morire che agire contro la legge di Dio, e li ammonisce che d’ora in poi nessuno di loro potrà fare del male, perché non godrà della sua protezione. 

Egli tuttavia spera che quanto è avvenuto in lui, avvenga anche per coloro che lavorano alle sue dipendenze, che Dio, tanto misericordioso con lui, anche a loro «mandi il buon pensiero». 

Tutti i servitori, anche se sbalorditi, ascoltano con rispetto e senza alcun segno di ostilità le parole dell’innominato, e pensano alla decisione da prendere. Intanto l’innominato, che nel suo animo, per la prima volta sente una pace rasserenatrice, si avvicina «a quel letto in cui la notte avanti aveva trovate tante spine», fruga nella sua mente, e trova le preghiere ch’era solito recitare da bambino, e nel recitarle prova «una certa dolcezza in quel ritorno materiale alle abitudini della innocenza ». 

Fiducioso, quindi, « d’arrivare, con opere d’espiazione, a una coscienza nuova », si è subito addormentato.

bullet

Capitolo I

bullet

Capitolo II

bullet

Capitolo III

bullet

Capitolo IV

bullet

Capitolo V

bullet

Capitolo VI

bullet

Capitolo VII

bullet

Capitolo VIII

bullet

Capitolo IX

bullet

Capitolo X

bullet

Capitolo XI

bullet

Capitolo XII

bullet

Capitolo XIII

bullet

Capitolo XIV

bullet

Capitolo XV

bullet

Capitolo XVI

bullet

Capitolo XVII

bullet

Capitolo XVIII

bullet

Capitolo XIX

bullet

Capitolo XX

bullet

Capitolo XXI

bullet

Capitolo XXII

bullet

Capitolo XXIII

bullet

Capitolo XXIV

bullet

Capitolo XXV

bullet

Capitolo XXVI

bullet

Capitolo XXVII

bullet

Capitolo XXVIII

bullet

Capitolo XXIX

bullet

Capitolo XXX

bullet

Capitolo XXXI

bullet

Capitolo XXXII

bullet

Capitolo XXXIII

bullet

Capitolo XXXIV

bullet

Capitolo XXXV

bullet

Capitolo XXXVI

bullet

Capitolo XXXVII

bullet

Capitolo XXXVIII

 

 

 

 

 

 

Se volete contattarci cliccate qui

(Se qualcosa fosse protetta da copyright segnalatecelo e noi provvederemo ad eliminarlo)