Home page

 
 
Seguici su
 
Home
Chi siamo
Costituzione Europea
Costituzione Italiana
Curiosità
Detti letti
Educazione alimentare
Esopo
Euro
Fedro
Formula 1
Frasi celebri
Giochi di carte
Lingue
Matematica
Modi di dire  
Musica
Promessi Sposi
Proverbi
Pulire senza fatica
Sondaggio
Sicurezza in casa
Totò disse e...scrisse
Trucchi per videogames e non...
Link

 

Riassunto capitolo quinto

I Promessi Sposi

 

 

 

Quando, infatti, padre Cristoforo è alla presenza delle due donne, non tarda a capire che i suoi timori erano giustificati. Conforta Agnese e Lucia, esortandole ad aver fiducia in Dio; quindi pensa come far desistere don Rodrigo dal suo indegno proposito, ed infine, decide di affrontarlo di persona, così, se non sarà riuscito nel suo intento, conoscerà almeno fino a che segno giungerà l’ostinazione del prepotente signorotto.

Mentre padre Cristoforo è assorto in questi gravi pensieri, giunge Renzo, il quale manifesta propositi di vendetta, ma il frate lo redarguisce energicamente, ed aggiunge che « a metter fuori l’unghie, il debole non ci guadagna ». Esorta quindi anche Renzo di confidare in Dio, e dopo aver rivelato l’intenzione ai tre di parlare personalmente con don Rodrigo, parte, passa dal convento, e poi si avvia verso il palazzotto di colui che intende «ammansare ».

Il palazzotto, per la posizione in cui sorge, per la presenza di molti bravacci e di altre persone — uomini e donne — dall’aspetto sinistro, per l’ammasso di armi e munizioni, sembra una vera e propria fortezza.

Passando in mezzo a tanta sbirraglia, padre Cristoforo vi giunge, mentre don Rodrigo sta desinando. Un vecchio servitore, che lo riconosce, con molta affabilità lo conduce fino all’uscio della sala del convito. Da qui il cappuccino sente « un gran frastuono confuso di forchette, di coltelli, di bicchieri, di piatti, e sopra tutto di voci discordi . Padre Cristoforo vorrebbe ritirarsi, e attendere la fine del convito, ma apertosi l’uscio, il conte Attilio, cugino di don Rodrigo, invita il frate ad entrare.

Egli può constatare come il signorotto sia circondato da amici che non cessano di riverirlo servilmente, a segno della sua smisurata potenza. E’ una corte, quella che appare al frate, formata col compiacimento e col concorso di sudditi vili. Vi si trova infatti, cosa scandalosa, il Podestà di Lecco, per proprio interesse al servizio di don Rodrigo e non del popolo; il dottor Azzeccagarbugli, il famoso avvocato che rifiutò di difendere Renzo, ed altre due persone che non fanno « altro che mangiare, chinare il capo, sorridere e approvare ogni cosa che dicesse un commensale».

Appare evidente, come il signorotto, oppressore dei deboli e degli umili, sia circondato da persone indegne, tra cui brilla la figura del Podestà, a cui spetterebbe di far cambiare idea a don Rodrigo; invece costui, unitamente al dottor Azzeccagarbugli, altro personaggio immorale, piuttosto che manifestare disprezzo, si mostra compiacente e rispettoso verso quel prepotente.

Alla mensa di don Rodrigo, unica preoccupazione è quella di ridere, di godere, di discutere su questioni marginali, ma nessuno pensa, con tanta carestia che corre, a chi soffre, a chi ha bisogno urgente di soccorso. Tutto questo è ancora più grave, perché si svolge alla presenza paziente e silenziosa del frate, come a volerlo umiliare o schernire, mentre attende di essere ricevuto. Ma, ecco finalmente, « poiché la seccatura non si poteva scansare », noncurante della lunga attesa del suo ospite, che don Rodrigo, lo invita in un’altra stanza.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

bullet

Capitolo I

bullet

Capitolo II

bullet

Capitolo III

bullet

Capitolo IV

bullet

Capitolo V

bullet

Capitolo VI

bullet

Capitolo VII

bullet

Capitolo VIII

bullet

Capitolo IX

bullet

Capitolo X

bullet

Capitolo XI

bullet

Capitolo XII

bullet

Capitolo XIII

bullet

Capitolo XIV

bullet

Capitolo XV

bullet

Capitolo XVI

bullet

Capitolo XVII

bullet

Capitolo XVIII

bullet

Capitolo XIX

bullet

Capitolo XX

bullet

Capitolo XXI

bullet

Capitolo XXII

bullet

Capitolo XXIII

bullet

Capitolo XXIV

bullet

Capitolo XXV

bullet

Capitolo XXVI

bullet

Capitolo XXVII

bullet

Capitolo XXVIII

bullet

Capitolo XXIX

bullet

Capitolo XXX

bullet

Capitolo XXXI

bullet

Capitolo XXXII

bullet

Capitolo XXXIII

bullet

Capitolo XXXIV

bullet

Capitolo XXXV

bullet

Capitolo XXXVI

bullet

Capitolo XXXVII

bullet

Capitolo XXXVIII

Se volete contattarci cliccate qui

(Se qualcosa fosse protetta da copyright segnalatecelo e noi provvederemo ad eliminarlo)