Home page

 
 
Seguici su
 
Home
Chi siamo
Costituzione Europea
Costituzione Italiana
Curiosità
Detti letti
Educazione alimentare
Esopo
Euro
Fedro
Formula 1
Frasi celebri
Giochi di carte
Lingue
Matematica
Modi di dire  
Musica
Promessi Sposi
Proverbi
Pulire senza fatica
Sondaggio
Sicurezza in casa
Totò disse e...scrisse
Trucchi per videogames e non...
Link

 

Riassunto capitolo ventiseiesimo

I Promessi Sposi

 

 

 

Don Abbondio tace e nulla sa ribattere agli argomenti del cardinale, così pieni di realtà divina e di fervore; egli ha scolpite in mente, ed in modo incancellabile, le minacce di don Rodrigo; il prelato allora, interpretando il silenzio di don Abbondio come una colpa evidente, non esita a dirgli che ha ubbidito alla iniquità, senza badare a ciò che il dovere prescrive, che se la paura gli ha impedito di fare quanto era suo dovere, poteva almeno avvertire il suo superiore. E mentre prosegue dicendo che « l’iniquità non sempre si fonda sulle sue forze, ma anche sulla credulità e sullo spavento altrui,» a don Abbondio viene in mente Perpetua, di cui non ha accettato il consiglio di riferire l’incontro con i bravi al cardinale. Intanto il cardinale accusa don Abbondio di essere colpevole del traviamento di Renzo e delle tribolazioni di Lucia; il curato allora, pur non riuscendo a scacciare la paura, promette che se si presenterà qualche altra occasione, non verrà meno al suo ministero.

Il giorno seguente, come stabilito, Lucia è costretta per la seconda volta abbandonare il paese con tanta amarezza e rifugiarsi in casa di donna Prassede. L’innominato frattanto, tramite il cardinale, fa pervenire alla madre di Lucia cento scudi d’oro, «per servir di dote alla giovine, o per quell’uso che ad esse sarebbe parso migliore;» e comunica anche che per qualunque servizio per lui sarebbe una fortuna mettersi a loro disposizione.

All’alba del giorno seguente Agnese, mantenendo la promessa, si avvia verso la villa di donna Prassede, a visitar la figlia. Quando le due donne sono sole, Agnese informa a figlia del gesto generoso dell’innominato e dei suoi progetti, ora che hanno tanto denaro. Speriamo — dice la madre — che non sia successo nulla a Renzo, che ho «sempre riguardato come un mio figliolo» e quando avrà dato notizie, « ti vengo a prendere io a Milano. ». Ma vedendo che la figlia l’ascolta con freddezza, con una « tenerezza senz’allegria,» e che è accorata, ne chiede il motivo. Allora Lucia, alle domande pressanti della madre, pentita di non averla informata prima, risponde che non può divenire più moglie di Renzo, e, « col petto ansante » rivela il voto, descrivendo quella notte infernale, in cui si è decisa di pronunciarlo. La madre si amareggia, ma non si arrabbia, parendole «che sarebbe un prendersela col cielo. ». Madre e figlia parlano anche di Renzo, solo e lontano, e pensano alle sue sofferenze. Ma a Lucia interessa soltanto che egli sia salvo, per il resto non deve « pensar più a quel poverino, » anzi vuole che gli si invii una lettera, ma che la scriva una persona prudente e fidata, (il cugino Alessio) e lo informi che ha fatto voto « e che metta il cuore in pace,» e in pari tempo propone alla madre, che accetta liberamente  e senza difficoltà, poiché a Renzo « hanno troncato il suo avviamento, gli hanno portano via la sua roba,quei risparmi che aveva fatti » di mandargli metà della somma avuta dall’innominato. Lucia ringrazia la madre, per aver esaudito il suo desiderio, e con affetto profondo e sincero, le confida che ella sarà felice quando potrà viver   accanto a lei. Con queste attestazioni di reciproco affetto le due donne si separarono.

E’ passato gran tempo, e malgrado si fosse interessato segretamente anche il cardinale, di Renzo non si sa nulla di preciso; corrono delle voci, ma non hanno alcun fondamento di verità.

Lo stesso governatore di Milano, don Gonzalo Fernandez aveva protestato col residente di Venezia, per avere accolto un « ladrone pubblico » Lorenzo Tramaglino, nel territorio bergamasco. Tutto questo fracasso intorno al nome di Renzo indusse Bortolo a trasferire il cugino in un altro filatoio, presentandolo col nome di Antonio Rivolta.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

bullet

Capitolo I

bullet

Capitolo II

bullet

Capitolo III

bullet

Capitolo IV

bullet

Capitolo V

bullet

Capitolo VI

bullet

Capitolo VII

bullet

Capitolo VIII

bullet

Capitolo IX

bullet

Capitolo X

bullet

Capitolo XI

bullet

Capitolo XII

bullet

Capitolo XIII

bullet

Capitolo XIV

bullet

Capitolo XV

bullet

Capitolo XVI

bullet

Capitolo XVII

bullet

Capitolo XVIII

bullet

Capitolo XIX

bullet

Capitolo XX

bullet

Capitolo XXI

bullet

Capitolo XXII

bullet

Capitolo XXIII

bullet

Capitolo XXIV

bullet

Capitolo XXV

bullet

Capitolo XXVI

bullet

Capitolo XXVII

bullet

Capitolo XXVIII

bullet

Capitolo XXIX

bullet

Capitolo XXX

bullet

Capitolo XXXI

bullet

Capitolo XXXII

bullet

Capitolo XXXIII

bullet

Capitolo XXXIV

bullet

Capitolo XXXV

bullet

Capitolo XXXVI

bullet

Capitolo XXXVII

bullet

Capitolo XXXVIII

Se volete contattarci cliccate qui

(Se qualcosa fosse protetta da copyright segnalatecelo e noi provvederemo ad eliminarlo)