Home page

 
 
Seguici su
 
Home
Chi siamo
Costituzione Europea
Costituzione Italiana
Curiosità
Detti letti
Educazione alimentare
Esopo
Euro
Fedro
Formula 1
Frasi celebri
Giochi di carte
Lingue
Matematica
Modi di dire  
Musica
Promessi Sposi
Proverbi
Pulire senza fatica
Sondaggio
Sicurezza in casa
Totò disse e...scrisse
Trucchi per videogames e non...
Link

 

Riassunto capitolo quattordicesimo

I Promessi Sposi

 

 

 

Concluso il caso del vicario, la gente comincia a sgombrare il luogo, e mentre si avvia verso casa, forma dei crocchi. C’è chi loda il Ferrer e pronostica « guai seri per il vicario »; chi mormora che « il lupo non mangia il lupo ».

Ormai è sera,  Renzo abbandona l’idea di cercare padre Bonaventura al convento; camminando guarda se vi è un’osteria, qualche luogo, ove si possa mangiare e dormire, ma s’imbatte in un crocchio: « discorrevan di congetture, di disegni, per il giorno dopo ». Anche Renzo, questo povero onesto montanaro, vuoi parlare, e cade nelle insidie di una città travagliata da tanti problemi.

E’ necessario innanzi tutto ribadire che Renzo, nel vedere il Ferrer cordiale, umano, spoglio di qualunque parvenza di superbia, prova per lui sentimenti di ammirazione, e lo reputa un protettore della gente povera e abbandonata, capace di risolvere tutti i problemi che riguardano il popolo. Con questi sentimenti e sospinto dalla sua passione, non esita ad attirare l’attenzione su di sé, pronunziando un discorso in difesa dei poveri.

Egli mette in luce i soprusi e le ingiustizie che si commettono ai danni del popolo, e, per porvi rimedio, propone che « bisogna andare avanti così! ». (Si riferisce ai tumulti della giornata).

Qualcuno critica il suo discorso, ma la moltitudine applaude, e ci si concorda di rivedersi l’indomani sulla piazza del duomo.

Tra la folla, ad ascoltare il discorso di Renzo, vi era un giovane, uno sbirro camuffato, il quale, apparentemente si dimostrava lieto di prestare i suoi servigi — indicargli un’osteria — ma il suo vero scopo è quello di condurlo in gattabuia. E Renzo, ingenuo ed onesto, si sarebbe prestato al gioco, se la stanchezza e la fame — provvidenziali in quel caso — non l’avessero costretto a fermarsi alla prima osteria, rifiutando l’invito dello sbirro di proseguire.

Malgrado ciò, la sua posizione si aggrava, in quanto ha già confidato allo spione, che sotto il suo aspetto gentile e premuroso nasconde tanta malvagità, di provenire dal territorio di Lecco. Le sue imprudenze tuttavia non cessano: quando l’oste serve lo stufato, dice che, a causa dei disordini, quel giorno non ha pane; ma Renzo, candidamente, senza badare alle conseguenze, estrae un pane, che aveva raccolto in mattinata, e dichiara di averlo avuto « gratis et amore », dichiarazione quanto mai compromettente, in quanto significa che quel pane era stato rubato.

Intanto mangia di buon appetito e beve oltre misura, tanto che, in balia ai fumi dell’alcool, e in spregio alle leggi, rifiuta di dichiarare al locandiere le sue generalità e il motivo per cui si trova in quella città.

Ma a cavare di bocca a Renzo il suo nome, se è celibe o sposato con prole, pensa lo sbirro con un raffinato stratagemma. Ed è un vero miracolo se ubriaco com’è — cosa insolita per lui — non pronunzia altri nomi compromettenti.

A questo punto la spia se ne va e all’oste non resta che denunciare il povero Renzo, la cui posizione diviene pericolosa.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

bullet

Capitolo I

bullet

Capitolo II

bullet

Capitolo III

bullet

Capitolo IV

bullet

Capitolo V

bullet

Capitolo VI

bullet

Capitolo VII

bullet

Capitolo VIII

bullet

Capitolo IX

bullet

Capitolo X

bullet

Capitolo XI

bullet

Capitolo XII

bullet

Capitolo XIII

bullet

Capitolo XIV

bullet

Capitolo XV

bullet

Capitolo XVI

bullet

Capitolo XVII

bullet

Capitolo XVIII

bullet

Capitolo XIX

bullet

Capitolo XX

bullet

Capitolo XXI

bullet

Capitolo XXII

bullet

Capitolo XXIII

bullet

Capitolo XXIV

bullet

Capitolo XXV

bullet

Capitolo XXVI

bullet

Capitolo XXVII

bullet

Capitolo XXVIII

bullet

Capitolo XXIX

bullet

Capitolo XXX

bullet

Capitolo XXXI

bullet

Capitolo XXXII

bullet

Capitolo XXXIII

bullet

Capitolo XXXIV

bullet

Capitolo XXXV

bullet

Capitolo XXXVI

bullet

Capitolo XXXVII

bullet

Capitolo XXXVIII

Se volete contattarci cliccate qui

(Se qualcosa fosse protetta da copyright segnalatecelo e noi provvederemo ad eliminarlo)